Nuovo sito in versione beta MENU

live now Live now: Archivi Radio Raheem → Suono cosmico dall'universo

live now Live now

Archivi Radio Raheem → Suono cosmico dall'universo

Beastie Boys Experienced

I Beastie Boys sono stati per molti di noi un punto di riferimento, una isola felice dove creatività e inventiva hanno sempre saputo dialogare con il grande pubblico.

In occasione dell’uscita del documentario che racconta la loro storia Radio Raheem ha preparato una serie di contenuti speciali per cercare di raccontare le diverse anime di questo gruppo poliedrico.

A demo in a box
di Cesare Alemanni


Non sappiamo quanto ci sia di vero ma come tutte le leggende conta soprattutto tramandarla. Comincia a inizio anni ‘80 con un giovane newyorkese di nome Rick Rubin che ha da poco fondato un’etichetta indipendente. Si chiama Def Jam e, in mancanza di altri mezzi, i suoi uffici occupano un’intera stanza del dormitorio della NYU, l’università che Rick ancora frequenta. Rubin è poco più di uno sconosciuto e, a guardarlo, ha davvero poco a che fare con l’hip-hop. Non solo è un bianco barbuto e trasandato ma, fino a poco tempo prima, si è soprattutto distinto come leader di piccoli gruppi punk hardcore del sottobosco newyorkese. Ed eppure, con una giravolta stilistica di 360 gradi, nel giro pochissimo Rick è diventato il produttore rap più ricercato della Grande Mela. Tutto grazie a un solo beat: It’s Yours di Jazzy Jay e T-La Rock (1984). Un beat così drastico nel suo minimalismo melodico ma sincopato nel rimbalzo ritmico da instradare per sempre l’hip-hop in un nuovo solco, decisamente più hardcore e groovy del precedente. Un beat così potente da far dire a chi lo ascolta che è proprio quello il pezzo “più nero di sempre” (un evidente paradosso vista la carnagione dell’autore). E non si tratta di un parere qualunque, bensì di quello di un giovane Russell Simmons. Colui che, da futuro direttore creativo della Def Jam, avrebbe lanciato molti tra i rapper più rilevanti di sempre.

Ma torniamo a quel dormitorio. E precisamente al giorno in cui bussarono alla sua porta tre ragazzini, appena ventenni, di nome Adam, Michael… e ancora Adam. A prima vista si tratta quasi di tre controfigure di Rubin: anche loro sono bianchi, anche loro hanno una passione per il più goliardico cazzeggio, anche loro vengono dal ceto medio newyorkese, anche loro sono transitati dall’hardcore e da poco hanno scoperto che gira una “nuova” musica nera con più affinità spirituali col punk di quanto si creda. Anche loro da qualche mese hanno quindi cominciato a sperimentare con pezzi dal sapore vagamente hip-hop. Roba tipo Cooky Puss: nient’altro che un loop di basso funk iper-saturo, interpolato dall’audio di una stand-up di Steve Martin e registrazioni di vecchi scherzi telefonici del trio a scapito di una catena di ristoranti. Una canzone, geniale nella sua assurdità, che vorrebbero fare ascoltare a Rubin nella speranza che decida di produrli. Tutto andrebbe liscio se non fosse che Russell Simmons, ormai entrato in Def Jam come socio di Rubin, non è persuaso dall’idea di scritturare tre bianchi: teme per la credibilità dell’ancora minuscola etichetta presso il pubblico afro-americano. Se ne riparlerà, nel caso, più avanti.

Per nulla scoraggiati, i tre decidono di continuare comunque a gravitare intorno allo studio di Rubin… “sai mai che?”. E poi che altro avrai mai da fare a vent’anni se non ascoltare musica tutto il giorno e fare festa tutte le sere? Tra un party e l’altro danno anche una mano come tuttofare: spostane casse di vinili, consegnano lettere, mettono in ordine i demo di aspiranti rapper che piovono copiosi all’indirizzo della Def Jam. Un giorno ne ascoltano uno rimasto a prendere polvere da un po’. È di un mc sedicenne, talmente forte che lo portano subito all’attenzione di chi di dovere, svoltando così una carriera di cui chissà forse non avremmo altrimenti mai sentito parlare. E che invece, anche grazie al loro intervento, si rivela una delle più importanti degli anni ’80. Il demo recuperato in fondo a chissà quale scatolone era infatti nientemeno che… di LL Cool J!

Mi sembra questo l’aneddoto perfetto per raccontare chi sono stati e cosa erano destinati a diventare quei tre ragazzi che – una volta vinte le reticenze di Simmons – avremmo conosciuto come Ad Rock, MCA e Mike, in altre parole: i Beastie Boys. Ovvero: non solo uno dei gruppi più importanti, inesauribilmente creativi ed eccentrici nella storia dell’hip-hop, ma anche tre tastemaker a tutto tondo. Proprio perché erano ascoltatori così ricettivi e curiosi, Adam, Adam e Michael crescendo sono diventati musicisti in grado di cancellare i confini dei generi (punk, rap, funk, elettronica, bossa, jazz) in cui si sono, quasi sempre mescolandoli, cimentati. Nonché artisti capaci, cosa davvero rara, di creare un immaginario – fatto di goliardia, presa per il culo del benpensantismo, geniali taglia e cuci cross-culturali – inequivocabilmente proprio. Un’impronta che, nell’arco di una lunga carriera, si è impressa non solo nella musica ma anche nello stile, nell’arte, nella cultura pop e visiva contemporanea. Un’impronta talmente ampia da contenere e ispirare interpreti diversissimi tra loro e talmente profonda che ancora oggi la riconosciamo immediatamente in tutto ciò che ce la ricorda. Un marchio di fabbrica costruito su una coolness senza sforzo e di cui, per fortuna, non ci libereremo facilmente. Anche perché ne abbiamo molto bisogno, specie in giorni come questi.


Photo © Glen E. Friedman

Illustrazioni © Dario Dr. Pepper Maggiore

24/04/2020 - B.BOYS EXPERIENCED→Bassi Maestro Tribute

Ormai 3 anni fa in occasione dell’anniversario della scomparsa di Adam Yauch chiedemmo a Bassi Maestro, una delle figure più centrali per l’hip hop italiano, di preparare un contenuto speciale per commemorarlo. Quale migliore occasione per farvelo riascoltare!

24/04/2020 - B.BOYS EXPERIENCED→ A talk with Glen E. Friedman

TRACKLIST

BEASTIE BOYS
In a World Gone Mad

THE SONICS
Have Love Will Travel

SUICIDAL TENDENCIES
Memories of Tomorrow

BOOGIE DOWN PRODUCTIONS
Poetry

HERE WE GO - LIVE AT THE FUN HOUSE
Run - D.M.C.

PUBLIC ENEMY
Timebomb

BLACK FLAG
Thirsty And Miserable

FUGAZI
Break

MINOR THREAT
In My Eyes

THE STOOGES
Search and Destroy

BUZZCOCKS
Sixteen Again

FELA KUTI WITH GINGER BAKER LIVE!
Let's start

JIMI HENDRIX
Manic Depression

SLY AND THE FAMILY STONE
Stand!

Glen E. Friedman è stato uno dei primi fotografi a catturare la nascita del movimento hardcore punk e della golden age dell’hip hop. Uno stile inconfondibile che poi ha fatto scuola. Tra mille aneddoti e ricordi insieme Stefano Gilardino ci racconta della sua collaborazione con i Beastie Boys, di come sia nata la copertina del mitico Check Your Head e di quando Madonna non volle farsi fotografare con loro! Playlist a cura di Glen E. Friedman.

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Licensed to Ill (1985)

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Paul’s Boutique (1989) Part I

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Paul’s Boutique (1989) Part II

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Paul’s Boutique (1989) Part III

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Check your Head (1992)

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Ill Communication (1994)

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ Hello Nasty (1998)

24/04/2020 - B. BOYS SAMPLE IT !→ To the 5 Borough (2004) & Hot Sauce Committee Part Two (2011)